Catene da neve, un aiuto in condizioni estreme

catene da neve

Catene da neve, un aiuto in condizioni estreme. Quando le condizioni del manto stradale sono molto critiche, ovvero quando è la neve a farla da padrone in strada, è necessario ricorrere a questa attrezzatura. In casi estremi può infatti succedere che gli pneumatici invernali possano non bastare per garantire una circolazione sicura. Bisogna sapere che, una volta montate, la velocità massima consentita è di 50 km/h. Valgono poi tutte le regole di guida su ghiaccio e neve, ossia dolcezza, limitare i cambi marcia, no a sorpassi, accelerazioni e frenate improvvise. Inoltre non bisogna scordare che le catene devono rispettare le omologazioni previste dalle legge. Quindi riportare sulla confezione la dicitura e il simbolo Uni 11313 o l’equivalente O-Norm V-5117.

Catene da neve

Ne esistono di due tipi, ossia a tensionamento manuale (le più comuni) e a tensionamento automatico (con un costo maggiore). Le prime richiedono un doppio intervento da parte del guidatore, montaggio e poi stretta del serraggio dopo una manciata di minuti (operazione non richiesta nel secondo caso). Altra possibilità sono le calze da neve, tuttavia non iscrivibili ad alternative a pneumatici invernali e catene a bordo per la legge italiana. Danno il meglio quando sull’asfalto si trova neve fresca e poco compatta e fra i pro c’è la facilità di montaggio e smontaggio.

Meglio provare in anticipo

Infine un consiglio spassionato: è sicuramente utile provare a montare e a smontare almeno una volta le tradizionali catene da neve, magari scegliendo un luogo in cui si è comodi e si sta all’asciutto. L’esercizio è fondamentale, così al momento opportuno l’operazione sarà sicuramente più semplice. Quando non sono più necessario serve lavarle sotto acqua corrente e lasciarle asciugare a temperatura ambiente prima di riporle.