Gommisti e meccanici aperti anche nelle zone rosse

Gommisti e meccanici

Gommisti e meccanici aperti anche nelle zone rosse. Come tutti sappiamo con il Dpcm dello scorso 3 novembre l’Italia è stata suddivisa in zone in cui sono applicate differenti misure di contenimento del contagio da Covid-19. Nelle regioni in zona rossa il livello di rischio è massimo. Ma in ogni caso l’ultimo provvedimento del presidente del Consiglio Giuseppe Conte lascia spazio alla prosecuzione di molte attività produttive. Tra queste ci sono appunto meccanici, gommisti e officine varie. Le attività commerciali aperte vanno considerate essenziali in base alla normativa emergenziale vigente. Perciò l’acquisto dei beni e servizi da esse erogati si configura in termini di necessità. Conseguentemente, tale ragione di spostamento, in caso di eventuali controlli, dovrà essere dichiarata nelle forme e con le modalità dell’autocertificazione.

Gommisti e meccanici aperti anche nelle zone rosse

Al momento infatti tale lavoro professionale/artigianale non rientra fra le attività produttive soggette a restrizioni, dando ovviamente per scontato il rispetto delle misure di sicurezza sanitaria. Niente paura anche per chi ha programmato l’acquisto di nuovi pneumatici: anche nelle zone rosse sono ammesse «le attività di commercio al dettaglio di autoveicoli, motocicli e relative parti ed accessori», come si legge negli allegati dell’ultimo Dpcm. Vale sempre il principio della necessità per gli spostamenti e serve dunque essere in grado di dimostrare tale condizione.