1000 Miglia 2021, torna la corsa della freccia rossa

1000 miglia 2021

1000 Miglia 2021, torna la corsa della freccia rossa. Mercoledì 12 maggio, nella giornata in cui originariamente avrebbe dovuto prendere il via prima di essere, in ottica preventiva, posticipata di cinque settimane, la trentanovesima edizione della 1000 Miglia è stata ufficialmente presentata in streaming dal Museo Mille Miglia. Mercoledì 16 giugno le 375 auto ammesse in gara oltre ad alcuni esemplari di particolare pregio iscritti in Lista Speciale, partiranno dalla tradizionale rampa di Viale Venezia a Brescia per farvi ritorno sabato 19. Lungo tutta la lunghezza del percorso saranno all’incirca duecento i Comuni attraversati dalla competizione. E, come di consueto, vedrà il giro di boa a Roma al termine della seconda giornata di gara.

1000 Miglia 2021, invertito il senso di marcia

Per la prima volta nella storia della 1000 Miglia rievocativa e riprendendo il senso antiorario di alcune edizioni della corsa di velocità disputata tra il 1927 e il 1957, il senso di marcia della gara sarà invertito. Mercoledì 16 giugno, gli equipaggi da Brescia si dirigeranno verso la costa tirrenica. Affronteranno già nella prima giornata il Passo della Cisa e concluderanno la prima tappa nella serata a Viareggio. La partenza della seconda giornata di gara, che avverrà dalla Cittadella del Carnevale, vedrà le auto proseguire verso Pisa fino a Castiglione della Pescaia, sede del pranzo. E continuare nel cuore della Maremma di Grosseto fino alla cena in gara a Viterbo; da qui la ripartenza alla volta della Capitale per concludere la seconda giornata con la passerella in Via Veneto.

Il percorso

Venerdì 18 vedrà la risalita delle auto verso nord. Partendo da Roma dopo l’attraversamento di Orvieto e Cortona, la sosta pranzo ad Arezzo e il transito nel Chianti, le auto supereranno il Passo della Futa e della Raticosa. Per poi giungere a Bologna e concludere la terza tappa. Sabato 19 giugno, quarta e ultima giornata di gara. Gli equipaggi giungeranno al traguardo di Brescia dopo aver salutato l’Emilia di Reggio e Modena, il Veneto a Verona dove le auto sosteranno in piazza Bra. E il Lago di Garda con il tradizionale passaggio a Sirmione e per la prima volta a Salò.